L'educazione

I cani devono essere considerati a tutti gli effetti membri della nostra famiglia e come tali hanno diritto a cure parentali. Affetto e attenzione devono far parte della pratica quotidiana. Regole base sono:

  • una passeggiata almeno tre volte al giorno
  • una dieta equilibrata e bilanciata
  • una ciotola di acqua fresca e pulita sempre disponibile
  • una visita veterinaria di controllo generale almeno una volta l'anno
  • l'osservanza di quanto stabilito dalla legge x l'identificazione del proprietario (microchip) e guinzaglio e museruola ove previsto.

Per ottenere l'amore incondizionato del nostro cane dobbiamo anche ottenerne il rispetto e la fiducia. Noi siamo i loro capibranco: dobbiamo insegnar loro delle regole e loro si aspettano questo da noi. Lasciar fare ad un cane tutto ciò che vuole, equivale a crescere un figlio viziato.

 

Come?

Premiate il vostro amico con le vostre attenzioni o con qualcosa di sfizioso, quando il suo comportamento risponde alle vostre aspettative. Non punitelo mai per un comportamento scorretto, perché ciò creerà solo una spaccatura nella vostra relazione e lui avrà paura di voi. Mostrategli invece indifferenza. Non abbiate mai fretta nell'insegnare. Uomo e cane non usano lo stesso linguaggio, per cui la comunicazione è per forza di cose difficile ma non impossibile. Non potete pretendere che lui capisca le vostre parole, ma lui capisce benissimo i vostri sentimenti.
Se, quando rientri in casa trovi la casa sottosopra o bisogni sparsi dappertutto, non punire il tuo cane. L'eventuale punizione (da scoraggiare nell'ambito dell'educazione) per qualcosa di sbagliato va somministrata solo immediatamente dopo l'evento, altrimenti il cane non riuscirà ad associare la vostra reazione al suo comportamento scorretto. Il cane lasciato solo a casa distrugge tutto solo se è insicuro (del vostro ritorno), spaventato (della vostra assenza), annoiato (perché non sa cosa fare).
Cominciate a lasciare il cane per pochi minuti da solo a casa, prolungando gradualmente i tempi della vostra assenza, inoltre, lasciategli qualcosa da fare quando siete fuori, per esempio un buon osso da rosicchiare, o una palla. Ora sono in commercio anche dei contenitori colorati di varie forme ripieni di cibo. Il cane passa molto tempo a capire come funziona ed è allettato dall'odore, quindi è un buon passatempo. L'importante è che quando tornate a casa, siate consapevoli che il cane vi aspetta e si aspetta che voi gli dedichiate del tempo, quindi con qualunque condizione atmosferica, prendete il guinzaglio e portatelo a spasso a farlo divertire un po' dopo tante ore di attesa.


Addestramento

Seduto: tieni un pezzo di cibo in mano sopra la testa/naso del cane. Lentamente muovi il cibo verso l'alto e verso il dorso del cane, così lui per seguire la mano è costretto per forza di cose a mettersi seduto. Una volta che il cane è in posizione corretta dategli il bocconcino dicendo "seduto".
Sostituite successivamente come premio una carezza al cibo, in modo che il comando non sia associato sempre e soltanto al bocconcino. Piano, piano il cane eseguirà il seduto soltanto al vostro ordine.


Passeggiata

Il cane deve camminare alla tua sinistra senza tirare. il guinzaglio può essere tenuto con la mano sinistra o con la destra formando una "J". se il cane tende a tirare, strattonare il collare. Quando comincia a non tirare più fategli dei complimenti esagerati. Ricordatevi che voi siete il suo capobranco e nel branco il capo va avanti e i gregari devono seguire. Questa gerarchia, se mantenuta anche nel rapporto uomo-cane, vi permetterà di avere un compagno a 4 zampe sicuro del suo ruolo di cane e quindi affidabile. Cani che tirano, cani che non tornano indietro al comando del padrone, cani che addirittura inscenano la "monta" nei confronti dell'umano, sono cani che non riconoscono nel padrone il loro capobranco, e poiché in natura il branco ha sempre bisogno di un capo, tenderà lui ad essere il vostro capo.


Il bagno

Se decidete di non andare in un negozio specializzato e volete provare il brivido dell'esperienza del bagno al vostro cane, aspettate che sia estate e mettettevi anche voi in costume da bagno! utilizzate uno shampoo per cani e non il vostro perchè la cute del cane ha una composizione differente e lo shampoo per i nostri capelli non fa bene al mantello del nostro amico. Ricordatevi sempre di spazzolarlo prima, per togliere nodi e peli morti e di lavargli la testa per ultimo perchè sarà quello il momento in cui tenderà a darsi una bella scrollata e farà fare il bagno anche a voi! A meno che non sia estate piena non usate l'acqua fredda e abbiate sempre a disposizione un phon per asciugarlo perfettamente specialmente se ha il manto lungo. Inoltre è inutile, anzi dannoso lavare molto spesso il cane. Si impoverisce il film lipidico cutaneo rendendo la pelle più vulnerabile all'attacco di parassiti, batteri e funghi.


Uno sguardo generale

Se il cane vive in appartamento e non fa grande attività fisica, le unghie non avranno modo di consumarsi da sole, pertanto andranno tagliate da un professionista. Non provate a farlo da soli: le unghie sono vascolarizzate e tagliandole troppo corte potrebbero sanguinare. Attenzione invece se vedete una crescita smodata delle unghie: è uno dei primi segni della leishmaniosi.
Controllate regolarmente anche occhi, pelle, orecchie, genitali e sederino. La prevenzione è sempre meglio della terapia!

Informazioni legali | Privacy | Sitemap
Amici di Fido Onlus - 2012/2017 diritti riservati